itenfrdeptrues

Il Territorio

Gli itinerari intercomunali

Da Milianni a Castel di Tusa passando per il Bosco Tardara: l'itinerario attraversa alcune importanti aree naturalistiche e storiche del comprensorio, passa per Tusa, prosegue verso il sito archeologico di Alesa e termina a Castel di Tusa. Il percorso, lungo circa 26 km, è percorribile in fuoristrada, a piedi, a cavallo e in mountain bike. 
Da Castel di Tusa a Torremuzza attraverso le fiumare del Tusa e S. Stefano: l'itinerario parte dalla località costiera di Castel di Tusa, raggiunge le aree pedemontane e montane dei Nebrodi Occidentali e ridiscende sulla costa a Torremuzza. Può essere un" interessante escursione culturale (opere di Fiumara d'Arte) e agroalimentare (agriturismi: Casa Migliaca, il Bosco, Antica via del grano) II percorso tocca la quasi totalità dei centri rurali del territorio. L'intero percorso, lungo circa 72 km, è percorribile in auto. 
Da Castel di Lucio a Mistretta attraverso il Bosco della Giumenta (Nebrodi:Riserva Naturale del Sambuchetti-Campanito, Urio Quattrocchi): l'itinerario attraversa alcune delle più suggestive aree naturalistiche e zootecniche del comprensorio. In questi luoghi, gli armenti, allevati liberi negli ampi spazi pascolativi, danno un prezioso latte che abili mani di esperti caseari trasformano in tipici formaggi artigianali (presidi Slow Food): la provola dei Nebrodi, il canestraio, il pecorino, la ricotta fresca e salata. Lungo 35 km, l'itinerario è percorribile per intero a piedi e a cavallo. 
Da Mistretta a Santo Stefano di Camastra attraverso i boschi di Medda e Mascellino: altro itinerario tipicamente agroalimentare; attraverso alcune delle aree naturalistiche (Cresta Conigliera, Urio Quattrocchi, Cozzo Salomone) e agricole più belle e suggestive dei Nebrodi occidentali (Case Martinello, Case Salice, Case Medda, Case Maddalena, Case Radicata), in circa 41 km, dalle quote altomontane raggiunge il mar Tirreno. Percorribile in fuoristrada, a piedi o a cavallo. 
Da Pettineo a Castel di Lucio e da qui verso i Comuni dell'ennese, lungo l'itinerario della "Antica via Del Grano. Si tratta di un percorso che collegava alcuni Comuni dell'ennese (Enna, Sperlinga, Assoro) alla costa tirrenica, attraverso il crinale di Castel di Lucio e da lì per Pettineo e fino a Castel di Tusa. Epercorribile in parte su strada, in parte lungo trazzere. Di recente è stato elaborato un progetto che prevede investimenti per poco di 9 milioni di euro che si propone di attrezzare e rendere fruibile questo antico percorso commerciale. 
Le "Trazzere di Transumanza", numerose e molte ancora attive, vengono utilizzate dai pastori per spostare il gregge dalle zone di collina a quelle di montagna in corrispondenza dell'alternarsi delle stagioni. Alcune sono già pronte per essere fruite dai turisti, altre invece richiedono interventi per attrezzare aree di sosta, collocare una valida segnaletica ed inserire nuovi itinerari per far visitare zone di particolare valore ambientale e naturalistico.

Stampa Email